Premessa: questo non è solo un articolo per nerd della grafica, ma è dedicato a tutti gli amanti del bello. Per spingerli a cercare qualcosa di molto bello (il Pantone 2020) in un posto altrettanto bello (cioè l’Islanda). Pronti per la caccia al Pantone?

Ma prima iniziamo da qualche domanda. E qualche risposta.

Che cos’è un Pantone?

E’ il nome commerciale ® di un sistema di codifica e di identificazione dei colori impiegato in grafica, in editoria e in tipografia. In poche parole è un sistema per classificare e riconoscere i colori per aiutare il lavoro di chiunque li utilizzi. Ad ogni tonalità di colore viene attribuito un codice che lo identifica e lo rende riconoscibile e riproducibile senza errori.

Perché 2020?

Ogni anno viene scelto un colore dell’anno, creando ogni volta una sorta di toto scommessa tra gli addetti al settore e tante preghiere dagli stessi sul fatto che la scelta caschi su un bel colore. Perché, siamo onesti: certi anni facevano veramente schifo. Eccovene una carrellata:

x1549967306_Pantone-Color-of-the-year.jpg.pagespeed.ic_.XVRN1gQzTx

Chi lo sceglie?

Il Pantone Color Institute cioè la divisione commerciale della marca Pantone. Il colore viene scelto in base alle influenze ed alle tendenze in ambiti anche diversissimi (moda, grafica, industrial, editoria, etc.) cercando di “prevedere” quale colore influenzerà maggiormente la comunicazione l’anno seguente. Il Pantone Color Institute collabora con marchi di livello mondiale mediante previsioni sulle tendenze stagionali, ricerche sulla psicologia del colore e consulenza, per integrare nella loro strategia di design tutta la potenza, la psicologia e l’emozione del colore.

Qual è il Pantone di quest’anno?

Il bellissimo (e per una volta possiamo finalmente dirlo!) PANTONE 19-4052 Classic Blue.

Infondendo calma, fiducia e un senso di connessione, questa intramontabile tonalità di blu mette in evidenza il nostro desiderio di una base stabile e affidabile da cui partire mentre ci apprestiamo a varcare la soglia di una nuova era.

Dal momento che l’abilità umana fatica a tenere il passo con la tecnologia, non stupisce che siamo attratti da colori onesti che offrono un senso di protezione. Tonalità non aggressiva con cui ci si identifica facilmente, l’affidabile PANTONE 19-4052 Classic Blue si presta a un’interazione rilassata. Questo colore universalmente prediletto associato all’avvento di un nuovo giorno è accolto senza indugi.

Che centra l’Islanda?

Sul web si trovano spesso foto che associano foto di paesaggi o di oggetti comuni a specifici tipi di Pantone. Un esempio divertente: la neve che ho usato per il biglietto di auguri di buon 2020 sul mio profilo Facebook ed Instagram. Sapevate che la neve ha un colore Pantone 11-4804?

Ho voluto quindi giocare a fare lo stesso e dato che l’Islanda è molto amata da grafici, illustratori, fotografi e da molti appassionati di arte in generale ho fatto una lista di luoghi dove, osservando bene, potete trovare il “Pantone classic blue”.

Iniziamo quindi la lista dei dieci posti dove trovare il Pantone dell’anno in Islanda:

 

1) SILFRA

“Se vuoi vedere questo blu profondo, in profondità dovrai andare”. Se fosse una favola inizierebbe così. Invece è proprio la realtà. A Silfra puoi infatti immergerti nel blu e lasciarti coinvolgere da questo colore e dalla sua positività. Ah, nota non da poco, facendo l’immersione ti ritroverai a nuotare tra due placche oceaniche cioè tra due Continenti. Sono attivi diversi tour e pacchetti che comprendono questa bellissima esperienza. Non male, vero?

freediver-swimming-silfra-iceland

 

2) LA DIVISA DELLA NAZIONALE DI CALCIO

Bella è bella. Se indossata da lui, ancora di più. Viva Rurik Gislason, nominato calciatore più sexy dei mondiali. Non dico altro.

rurik

 

3) LAGUNA DI JÖKULSÁRLÓN

Qui il blu è di casa. Il nostro amato Pantone, lo potrete vedere verso sera, quando l’acqua si fa più scura. Ah, anche quando ci sono meno turisti in giro il che non fa mai male.

iceland-1950869_960_720

 

4) IL CIELO SERALE DI REYKJAVÍK

Mentre tornare al vostro hotel prima di andare a cena, tirate su la testa. Non lo vedete quel “blu dipinto di blu”?

Iceland-Christmas

 

5) LA BLUE LAGOON LA SERA

Oltre che nel logo, il blu sta anche in quell’acqua calda e rilassante in cui potrete rilassarvi in tarda giornata.

blue-lagoon-near-steam-rooms

6) GROTTA DI GHIACCIO

In Islanda avrete la possibilità (ma ci va budget, vi avviso!) di visitare le grotte di ghiaccio. Si narra che in passato fossero rifugio per gli islandesi durante situazioni di pericolo o di inverni estremamente rigidi (oggi invece, come quella di Grjótagjá, sono famose per le scene di serie tv come Game of Thrones). Direi che di blu qui ce ne sta parecchio.

iceland-glacier-ice-cave-entrance-man

 

7) PUFFIN

Il nostro amico puffin (Lundi in islandese) è non solo il mio fedele compagno di viaggio (di cui l’ultimo proprio in Islanda e raccontato nel mio fumetto TAKK) ma anche uno dei simboli dell’Islanda. Ed indovina un po’ di che colore ha la macchia sul becco?

948747-puffin

8) MUSEO DELLE BALENE (REYKJAVIK)

In questo museo potrete imparare molto su un altro animale simbolo dell’Islanda, immergendovi in un immaginario mare blu creato dal bellissimo allestimento. Vi sembrerà di nuotare di fianco alle regine degli Oceani!

WI01-Whales-of-Iceland-Exhibition

9) CASE

Gli esterni della case sono coperti in lamiera, spesso colorata, per resistere al vento ed alle intemperie come la neve. Potete trovare case blu un po’ in tutto il Paese. Qui per esempio una casa a Reykjavik (Valhúsabraut 19) che è anche un B&B mentre nella seconda foto il bar Götubarinn ad Akureyri. Sempre nel nostro amato blu.

217596579

507d1bc7b49dc40192cc355087d8c159

 

10) BANDIERA NAZIONALE

Ovviamente non si poteva che chiudere in bellezza. Con la bandiera nazionale islandese, in cui i colori sono simboli precisi: il blu rappresenta il mare, il bianco rappresenta il ghiaccio e il rosso il fuoco, gli elementi che conferiscono all’Islanda l’appellativo di isola di ghiaccio e di fuoco.

Anche se in realtà questo blu si avvicina più ad un codice Pantone PMS 287, lasciamo un attimo a lato i dettagli e godiamoci il fatto di avere un simbolo così bello davanti agli occhi. Ovviamente mentre guardiamo il cielo.

Nel blu, dipinto di blu.

963cc5f8bfd8e93dfbce7239c75a4141

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *